Trappola per topi
Il teatro di Agatha
Filmografia
Le foto
Le musiche
Le locandine dei film
La firma di Agatha
Cartine geografiche
"Christiane"
Il Club del martedi sera
Fai la tua recensione
Entra nel Forum di Agatha
Hanno parlato del sito
Il trivial di Agatha Christie
Agatha Christie Society
Altri storici investigatori
La Signora in Giallo online
Agatha Christie Dvd Malavasi Editore
Agatha Christie Collection
- Altri storici investigatori d'eccezione -

Chissa' cosa stavano pensando Blake Edwards e Maurice Richlin in quel lontano giorno del 1963 quando diedero vita al piu' comico ispettore di polizia della storia: Clouseau. Molti sono gli aggettivi che si possono dare al diretto collega di Maigret della polizia parigina: incompetente, maldestro, credulone, sprovveduto, insomma un vero disastro naturale; pero' malgrado le tantissime qualita' negative che Clouseau mostra in tutte le occasioni possibili, c'e' da dire che la fortuna pare aver posato un occhio, o piuttosto una vagonata di occhi, su di lui tanto da fargli superare ogni singolo caso in un modo o nell'altro, spesso per il rotto della cuffia. Clouseau si presenta al grande pubblico sposato felicemente nel primo film che lo vede come protagonista, "La Pantera Rosa", ma gia' alla fine di questa sua prima indagine alla ricerca di un famoso diamante sulle nevi di Cortina d'Ampezzo, sara' arrestato con l'accusa di essere il famoso ladro di gioielli, mentre la responsabile di tutti i furti e' niente meno che la moglie dell'ispettore aiutata dal suo vecchio amante. Dal secondo film in poi Clouseau e' un solitario ispettore spesso aiutato dal suo assistente orientale (divertentissima la scena in cui Clouseau torna a casa la sera e si ritrova a combattere contro l'assistente essendo prassi quotidiana fare una lotta di allenamento tutte le sere con l'esito scontato di distruggere la casa a colpi di bastonate e sprangate) o coadiuvato da persone piu' o meno strambe che incontra in giro per il mondo. Peter Sellers e' rimasto nell'immaginario collettivo come Clouseau in ben 5 film: "La Pantera Rosa" - 1963, "Uno sparo nel buio" - 1964, "La Pantera Rosa colpisce ancora" - 1975, "La Pantera Rosa sfida l'ispettore Clouseau" - 1976, "La vendetta della Pantera Rosa" - 1978. Dopo la morte di Sellers vennero girati ancora due film sulla scia del successo dell'intera serie: "Pantera Rosa - Il mistero Clouseau" - 1983, dove il protagonista e' un detective americano incaricato di trovare il famoso Clouseau da tempo scomparso da Parigi il quale si scoprira' essere diventato, dopo una plastica facciale, l'agente 007. E nel 1993 Roberto Benigni ha interpretato il figlio dell'ispettore Clouseau in un film che non ha avuto un grandissimo successo. E' giusto ricordare anche che nei titoli di testa del primo film "La Pantera Rosa", compare una Pantera Rosa animata che sarebbe diventato un famosissimo personaggio dei fumetti negli anni seguenti.

Philo Vance e' sicuramente uno dei piu' insoliti "investigatori" della letteratura gialla; aristocratico di nascita, snob e altrettanto intelligente, Vance viene descritto dal suo ideatore S.S. Van Dine come un Oscar Wilde del poliziesco, esteta raffinatissimo che studia e valuta gli omicidi come si studiano le opere dei piu' grandi scrittori del Romanticismo. Philo Vance si sente al di sopra della media mondiale e lo si capisce dalla sua psicologia che lo porta ad essere paragonato senza troppi sforzi al Superuomo di Nietzsche (Nice), quindi come tale si interessa di delitti per appagare quella golosita' intellettuale che lo porta a mettersi sempre in competizione con il suo Io piu' segreto. Philo Vance non cerca i delitti, e' il procuratore distrettuale di New York, John F. Markham che lo utilizza come consulente speciale durante le indagini piu' difficili. Il nostro Philo vive e studia nella Grande Mela, ama l'arte, la letteratura e non esiste niente che possa essere alieno alla sua cultura enciclopedica. Vance debutta nel 1926 nel romanzo "La strana morte del signor Benson"; gia' nella sua prima apparizione si capisce che la fama di questo autorevole detective sia soltanto all'inizio, nel giro di pochi anni la notorieta' lo portera' ad essere tranquillamente paragonato ai suoi colleghi d'oltre oceano come Poirot e Holmes. Complessivamente sono stati scritti dodici romanzi che hanno come protagonista Philo Vance, tutti pubblicati da Mondadori Editore ed e' sicuramente singolare il fatto che il primo caso di Vance sia stato anche il numero 1 della collana Giallo Mondadori in Italia. Citiamo anche per doveri di cronaca che dal 1930 al 1945, sono stati girati innumerevoli film e telefilm tratti dai romanzi di Van Dine; l'Italia ha avuto in Giorgio Albertazzi il suo maggior interprete di Philo Vance.

Thomas Sullivan Magnum e' l'indimenticabile protagonista di una serie televisiva di 148 episodi molto trasmessi negli anni 80. Il personaggio creato da Glen A. Larson e Donald P. Bellisario, riscosse subito un successo clamoroso, tanto da rendere il protagonista della serie, Tom Selleck, uno degli idoli del cinema americano. Magnum e' un ex ufficiale del servizio segreto della Marina e un combattente della Guerra del Vietnam; tornato in America decide di accettare l'offerta di lavoro alle Hawaii fattagli da un famoso scrittore di gialli, Robin Masters, che per la verita' non si vedra' mai in tutta la serie. Cosi' Thomas Magnum si ritrova a fare il vigilante nella splendida villa dello scrittore sulla spiaggia Hawaiana e nello stesso tempo a gestire una piccola agenzia investigativa frequentata soprattutto da bellissime donne che spesso non resistono al fascino dell'avvenente detective. Ma Magnum non e' il solo personaggio di rilievo del telefilm; anche i meno appassionati di questa stupenda serie televisiva, si ricorderanno la figura del maggiordomo di casa Masters, Jonathan Quayle Higgins III, anche lui ex militare che spesso e malvolentieri aiutera' Magnum nelle sue indagini. Higgins gestisce la casa alla perfezione e dedica quasi tutto il suo tempo al giardinaggio e alla musica, senza contare le ore che passa con i "ragazzi", due enormi cani dobermann che vivono nella villa. Altri personaggi sono T.C. Theodore Calvin, pilota privato di elicotteri e Rick Orville Wright, proprietario del club King Kamehameha. Entrambi sono ex compagni di guerra di Magnum che si trovano nelle situazioni piu' assurde cercando di aiutare il loro amico nel risolvere i casi piu' disparati.

Chi l'ha detto che i piu' bravi investigatori sono solo inglesi e americani? Probabilmente qualcuno che non ha mai visto all'opera il piu' famoso detective orientale della storia: Charlie Chan. Nato dall'originalissimo giornalista e critico teatrale Earl Derr Biggers nel 1925, Charlie Chan ha subito spopolato nelle librerie americane per l'assoluta novita' che presentava al pubblico; negli anni venti nessuno vedeva gli orientali come eroi letterari, spesso i piu' cattivi criminali erano proprio cinesi che lavoravano all'ombra della mafia trapiantata nelle piu' grandi capitali occidentali; cosi' Biggers preferendo entrare in contrapposizione con questa idea assurda e poco reale tutto sommato, decide di scrivere il primo romanzo con Charlie Chan: "Charlie Chan e la casa senza chiave"; successo clamoroso, fama e la conseguente richiesta di nuove avventure dello strano orientale ficcanaso. Infatti malgrado Chan sia ispettore della polizia di Honolulu, i delitti su cui investiga gli cadono dal cielo per caso e spesso viene considerato "l'uno fra tanti" che non sapendo come passare le giornate, gioca al piccolo investigatore dilettante. Ma Charlie Chan e' un vero e proprio Poirot del Sol Levante e non esiste niente che la sua intelligenza e un pizzico di filosofia orientale non possano risolvere. E' sicuro che Charlie Chan sia diventato famoso anche grazie alle innumerevoli pellicole cinematografiche che gli sono state dedicate (anche Peter Ustinov ha sfoggiato la sua bravura nel 1981 in "Charlie Chan e la maledizione della Regina Drago". Per chi fosse interessato alla figura di Chan ricordo che tutti i suoi romanzi sono stati pubblicati in Italia da Mondadori Editore.

indietro INDIETRO AVANTI


© 1997-2007 - La grafica e i testi del sito di Agatha Christie sono proprietÓ di Riccardo Santagati - Immagini e audio usati per la realizzazione del sito, sono da ritenersi a puro scopo informativo, dove non indicato, i copyright sono degli autori, agenzie e case editrici che ne detengono i diritti. Il sito è in rete dal 1997.